Trama del film “Una notte” – Note di regia

SINOSSI: Salvatore, Annamaria, Alfonso e Riccardo, quattro quarantenni di estrazione sociale borghese e originari di Napoli, ma residenti altrove per motivi di lavoro, ritornano nella loro città per il funerale di un amico, Antonio. Dopo la veglia funebre, i quattro decidono di cenare insieme e, durante la serata, iniziano a raccontarsi le novità ma anche a ricordare gli avvenimenti del loro comune passato. Ad un certo punto della serata, il gruppo decide di chiamare un altro amico, Luigi, che li porterà in giro per tutta la notte a bordo del taxi guidato da Raffaele, un uomo umile e semplice che darà al gruppo vere e proprie lezioni di vita. Il mattino seguente, ognuno di loro si troverà a tirare le somme della propria vita.

NOTE DI REGIA: “Una Notte” è il mio primo lungometraggio. Prima di questo avevo avuto l’illusione di poter esordire con un altro film ma non se ne è fatto nulla. Dopo poco decisi di iniziare un nuovo film. Una storia mi aveva entusiasmato. Con Salvatore Sansone, un mio caro amico, scrivemmo la sceneggiatura del film quasi di getto senza pensare troppo alla forma ma trascinati esclusivamente dall’entusiasmo. Mentre scrivevamo, pensavamo a chi potesse interpretare quel ruolo, e, una volta definito, chiamavamo gli attori con il loro vero nome e adattavamo il personaggio su quella persona. A un certo punto ci siamo ritrovati con un gruppo di attori-amici e ogni attore ha deciso di interpretare quel ruolo nonostante non avessimo ancora la produzione. Alla fine della stesura, mi sono trovato a Napoli alla ricerca di qualche fondo per partire e, grazie alla Film Commission Regione Campania e all’apporto della mia famiglia, sono riuscito ad iniziare il 18 settembre 2006 le riprese che sono durate 4 settimane. Per essere precisi abbiamo girato sempre di notte per 20 giorni perchè lavoravamo dal lunedì al venerdì, per sette ore di continuato. Prima di iniziare questa esperienza pensavo che fare un film fosse qualcosa di preconfezionato e che tutto ciò che appuntavo, vedevo, sentivo l’avrei messo in atto: invece mi sono reso conto che si corre dietro al tempo, alla pellicola che finisce e al denaro che va via. Quindi mi sono lasciato trasportare dall’istinto più che dalla ragione e ho trovato negli attori più che delle marionette da dirigere, degli ottimi complici per portare a casa un buon lavoro. Non ho voluto che fossero legati a dei metodi accademici, ma che restassero loro stessi nel ruolo, e non creassero un personaggio che non gli assomigliasse affatto. Con il direttore della fotografia abbiamo fatto dei provini in digitale e con la pellicola. Senza pensarci troppo ho scelto di girare in pellicola perché il risultato di questi test mi aveva convinto che quel supporto era il migliore per raccontare la notte che io stavo immaginando. Girare in pellicola ti porta ad essere più scrupoloso e deciso nelle tue scelte. È un supporto costoso e soprattutto in una produzione povera non puoi permetterti di caricare il budget con ulteriori costi. Quindi ho cercato di ridurre al minimo i ciak e concentrarmi più nella preparazione e nelle prove.  Ho dato molta importanza alla fonica; infatti il film è tutto in presa diretta. A volte una buona fonica è più importante di una buona fotografia in quanto la fotografia si può correggere, il suono devi doppiarlo e quindi rischi che il film risulti artificioso e poco credibile. Un suono reale ti riporta una storia che sembra realmente accaduta. È come se tutto quello che vedi realmente esistesse. Mi interessava essere funzionale alla storia anche dal punto di vista del linguaggio tecnico adottato; pochi movimenti di macchina, piccoli carrelli e niente di più.

USCITA CINEMA: 14/03/2008
REGIA: Toni D’Angelo (II)
SCENEGGIATURA: Toni D’Angelo (II)Salvatore Sansone
ATTORI: Nino D’AngeloRiccardo ZinnaLuigi IacuzioAlfonso PostiglioneStefania TroiseSalvatore SansoneValentina VaccaIaia Forte

CRITICA: “Leggi la storia e pensi subito a un ‘Grande freddo’ in salsa partenopea. (…) Poi vedi il film d’esordio del figlio d’arte Toni D’Angelo e rimani colpito dal racconto di una notte napoletana che ha il sapore della verità. Dei volti, dei luoghi delle atmosfere, dei sogni infranti come gli amori. Un ritratto di esistenze, affettuoso e impietoso, girato alla maniera di Abel Ferrara, regista sui cui Toni D’Angelo si è laureato.” (Pedro Armocida, ‘Il Giornale’, 14 marzo 2008)”Un bell’esordio, sorprendente per assenza di stereotipi, ‘Una notte’, diretto dal figlio di Toni D’Angelo, che si fa notare per la padronanza di alcuni elementi non facili da trattare senza banalità: l’ambientazione notturna, e la recitazione di alcuni personaggi legati tra loro da antica amicizia, poi logorata dalla lontananza e dal passare degli anni (e qui siamo in pieno stile John Cassavetes).” (Silvana Silvestri, ‘Il Manifesto’, 14 marzo 2008)”C’è un epigono di Cassavetes a Napoli, oggi. Si chiama Toni D’Angelo, è il figlio di Nino D’Angelo e se ha deciso di non stare su un palco ma sul set è perché dal padre (e da Abel Ferrara, di cui è stato aiuto) ha ereditato un ritmo e una fluidità di fraseggio che rende questo suo debutto no budget molto più vivo ed emozionante di tanti film ricchi e pompati. (…) C’è una lunga notte balorda piena di sogni, ricordi, smacchi, emozioni. E c’è un tassista-filosofo (un autoironico Nino D’Angelo) che scorrazza gli attempati vitelloni, quattro uomini e una donna, fra feste, spiagge, bravate, in un crescendo di amarezze tutt’altro che di maniera. Anche se, o forse proprio perché, D’Angelo scava con efficacia dentro potenziali luoghi comuni. Così la città, quasi invisibile, è un luogo mentale ma sempre presente. Gli attori sono eccellenti, in testa Riccardo Zinna e Alfonso Postiglione. La musica abbondante e adeguata. E il quadro generazionale che ne esce è verosimile e allarmante. Una piccola sorpresa. Aspettiamo il prossimo. Con calma.” (Fabio Ferzetti, ‘Il Messaggero’, 28 marzo 2008)

NOTE: RIPRESE EFFETTUATE A NAPOLI IN QUATTRO SETTIMANE A PARTIRE DAL 18 SETTEMBRE 2006. Fonte “RdC – Cinematografo.it”

mesemanifestazionesezionepremi
novNew Italian Cinema EventsIn Concorso
ottN.I.C.E. PratoPanorama
novBella Basilicata Film FestivalIl Sud nel Cinema Italiano
novBella Basilicata Film FestivalIl Sud nel Cinema Italiano
giuFestival International du Cinéma d’Auteur de RabatCinema du Monde
giuParlare di Cinema a CastiglioncelloPanorama
magRoma3 Film Teatro FestivalOpera Prima/Roma3FF
aprN.AUT.IT – Nuovi Autori ItalianiPanorama
dicCosta Iblea Film FestivalConcorso Opera Prima
novFestival del Cinema Italiano di BelgradoPanorama
novFestival del Cinema Indipendente di FoggiaIn Concorso Lungometraggi
novFestival Internazionale del Cinema di SalernoFilm Lungometraggi1
novMostra del Cinema Italiano a ZagabriaPanorama
setFestival du Cinéma Italien d’AjaccioEn Compétition2
ottFestival Internazionale del Film di RomaNew Cinema Network – Focus Europe
agoClorofilla Film FestivalIn Concorso
lugAccordi@Disaccordi – Open Air Cinema FestivalPanorama
lugFestival di Torella dei LombardiIn Concorso1
lugGlobal Film & Music FestPanorama
lugMagna Graecia Film FestivalIn Concorso1
lugRoseto Opera PrimaIn Concorso
giuAccadde Domani. Nuovo Cinema ItalianoPanorama
giuMaremetraggioSezione Ippocampo1
magCinegiroPanorama
magFilm Festival ZlinEuropean Debuts
aprValdarno Cinema FedicPanorama
apr

Worldfest. – Houston Independent Film Festival

Panorama Italia

nov

Anchorage International Film Festival

Feature

nov

Cairo International Film Festival

Festival of Festivals

nov

Sulmona Cinema Film Festival

In Concorso

ott

Cinema Mediterraneen Montpellier

Panorama